Worm, Cryptolocker, Cryptowall, Cryptofile Print

Stanno circolando in questi giorni una serie di mail contenenti pericolosi virus per i software dei computer. Si tratta di una nuova ondata di ransomware Teslacrypt 3.0. Si tratta di un tipo di malware che limita l'accesso del dispositivo che infetta, richiedendo un riscatto (ransom in Inglese) da pagare per rimuovere la limitazione. Questa forma di ransomware, in particolare, blocca il sistema e intima l'utente a pagare per sbloccare il sistema, altri invece cifrano i file dell'utente chiedendo di pagare per riportare i file cifrati in chiaro.

Come riportato sul sito ransomware.it sabato 30 gennaio 2016 è stata lanciata una pesante campagna d’infezione tramite email con ransomware TeslaCrypt 3.0 verso utenti italiani. I file vengono criptati aggiungendo in coda le estensioni “.XXX”, “.TTT” e “.MICRO” e rispetto alle versioni di TeslaCrypt precedenti è cambiato il metodo con cui viene scambiata la chiave di cifratura. A differenza di alcune versioni di CryptoLocker e le vecchie versioni di TeslaCrypt, non sono al momento noti metodi per recuperare i propri documenti. BloodDolly, lo sviluppatore che ha prodotto un decryptor per le versioni precedenti di Teslacrypt, sta lavorando alla ricerca di un antidoto anche per questa.

Alcune mail vettore contengono come oggetto il nome del mittente oppure la data d’invio e provengono da contatti noti. Non c’è testo nella mail, se non la data d’invio della mail riportata per esteso, talvolta identica a quella inserita nell’oggetto. Le mail hanno tutte un allegato, consistente in un archivio ZIP che contiene un file con estensione “.JS”. ll file è uno script in linguaggio javascript, il cui nome può essere del tipo “invoice_DjzkX0.js” o “invoice_scan_jWNWc3.js”. Lo script, se aperto, causa il download del vero e proprio trojan TeslaCrypt. Il javascript infatti implementa la funzione di dropper, cioè un malware finalizzato a scaricare il vero e proprio trojan, chiamato payload, che infetterà il PC.

Il codice del dropper (il “programma” contenuto nell’allegato ZIP che spesso si presenta come una finta fattura o una nota di credito) non è offuscato e mostra chiaramente la fonte da cui attinge per scaricare il trojan TeslaCrpyt 3.0 sul PC della vittima, infettarla e criptare i documenti. Per quanto pericoloso, il codice viene eseguito soltanto se si apre l’archivio ZIP (in genere cliccandovi sopra con il mouse) e si clicca sul file il cui nome termina con “.JS” al suo interno. La semplice apertura e visualizzazione del testo della mail – in questo caso – non causa l’infezione del PC

 

 

FireNet Ltd mediante la tecnologia SecureBox in classe SHT protegge i vostri sistemi ed identifica intrusioni bloccandole.

SecureBox sistema di sicurezza non convenzionale.

Grazie alla tecnologia Debian nativa ed allo studio di ingegneria dedicato nasce il nostro sistema di sicurezza tutto italiano e senza back door, la nuova frontiera della sicurezza senza compromessi.



Richiedi informazioni This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it